, , , , , , , , , , , ,

Cestini di mazzancolle e avocado

Cestini di Mazzancolle e avocado

Come preparare i cestini di mazzancolle e avocado.

Ingredienti per 6 persone

8 fette di pancarré o 4 fette di pane per tramezzini, 

400 gr di code di mazzancolle

2 Avocado

Olio

Sale

Pepe

Limone

Pomodorini pachino

 

Preriscaldare il forno a 200° C.

Ricava con un tagliapasta rotondo  dei cerchi di pancarré, stendi con un mattarello i cerchi in modo da renderli più sottili e lavorabili e spennellali solo un lato con l’olio evo.

Sistemali in una teglia per muffins, con la parte spennellata d’olio rivolta verso il basso, e inforna a 200°C per 8/10 minuti, finchè saranno croccantissimi.

Prepara la farcia. Pulisci le mazzancolle sgusciandole e privandole del filetto nero ( se c’è) e falle saltare in padella con olio. Taglia i pomodorini.

Lava e prepara l’avocado. Frullalo con il mixer aggiustando di sale, pepe e limone. Unisci un po’ di acqua per renderlo più cremoso.

Riempi i cestini con la crema di avocado, aggiungi le mazzancolle e il pomodorino.

Questa ricetta è molto indicata da inserire nel menu delle feste. Velocissima da preparare. I cestini e la crema di avocado possono essere preparati anche un giorno prima in modo tale da doverli comporre solo al bisogno. I cestini così fatti si prestano ad essere farciti con ciò che più gradisci. Anzi ti consiglio di sbizzarrirti.

Per abbinare i cestini  ad un altro antipasto leggi questa ricetta

, , , , , , ,

Polpette di merluzzo

Per questa ricetta io ho scelto il merluzzo, ma si può anche utilizzare polpa bianca di pesce, anche avanzi della sera prima. Il risultato è fenomenale ugualmente

Dosi per 4 persone circa

400 gr di merluzzo fresco
qualche fetta di pane raffermo
1 uovo grande
pan grattato q.b.
sale e pepe
70 gr di parmigiano grattugiato
prezzemolo fresco tritato
un pizzico di aglio tritato (o fresco o in polvere)
noce moscata
PER IL SUGO
1 bottiglia di passata di pomodoro (per me fatto in casa)
sale e pepe
aglio
olio evo
2 acciughe sott’olio

In un largo tegame prepariamo un sughetto, facendo appena dorare l’aglio schiacciato e le 2 acciughe in un filo di olio evo, uniamo la passata di pomodoro, un pizzico di sale e il pepe; facciamolo cuocere qualche minuto. (Se la passata di pomodoro fosse troppo densa allunghiamola con un poco d’acqua).
Intanto prepariamo le polpette: tritare il merluzzo precedentemente pulito.
In una capace ciotola mettere in ammollo il pane in un poco d’acqua fino a renderlo morbido, unire il pesce tritato, un pizzico di aglio schiacciato, una macinata di pepe, un pizzico di sale, il parmigiano grattugiato, il prezzemolo fresco tritato, l’uovo, la noce moscata, e il pan grattato che serve fino a raggiungere la consistenza giusta, ovvero una consistenza appena compatta e abbastanza morbida.
Con le mani leggermente umide formiamo delle polpette tonde.
Tuffiamo le polpette nel sugo bollente e le lasciamo cuocere fino a che la salsa sarà ben densa e le polpette cotte, circa 15 minuti.
Quindi servitele ben calde con fette di pane.

, , ,

Calamari ripieni ai carciofi

Una ricetta veloce e facile per godere di due ingredienti tipicamente primaverili: calamari e carciofi.

Ebbene si! Anche i pesci hanno la loro stagione ideale per essere pescati e consumati.
Questo è anche un beneficio per il mare e per il mantenimento delle specie.

I carciofi hanno la loro massima fioritura in primavera. In questo periodo sono teneri, dolci, e ricchissimi di principi nutritivi.

Questo piatto fa bene perchè: contiene sodio (evita la ritenzione idrica) , fosforo (se si apporta fosforo con il cibo si aumenta la diuresi). e vitamina A (carotenoide, importante in tutti gli apparati organici). Il carciofo non contiene proteine e ha pochissimi grassi, cosí come i calamari che sono poco calorici, hanno pochi grassi. Gli ingredienti si completano non solo per il gusto ma anche da un punto di vista nutrizionale (fibre dai carciofi, proteine dai calamari e carboidrati dalle patate, il tutto condito con micronutrienti molto importanti).
Via libera a questa ricetta anche per chi vuole un piatto leggero con poche calorie.

Ingredienti per 4 persone:
4 calamari medi
100 gr di patate
2 carciofi
1 scalogno o 1 piccola cipolla o 1 piccolo porro
2 tuorli
2 cucchiai di farina
200 ml di acqua
olio evo
sale e pepe

Pulire i calamari, eliminare le interiora, gli occhi e la bocca.
Pulire i carciofi. Tagliare a rondelle i gambi decorticati e a spicchi i cuori. Metterli in acqua acidulata (con acqua o aceto). Fare lessare in poca acqua i gambi dei carciofi e quando sono cotti tritarli a coltello.
Pulire e tritare lo scalogno. Tritare le ali e i tentacoli. Fareli rosolare per alcuni minuti. Salare e pepare. Bagnare con poca acqua e lasciare cuocere per 10 minuti.
Lessare le patate, sbucciarle e schiacciarle.. Mescolare i tentacoli cotti con la patata schiacciata, i gambi di carciofo tritati, l’uovo, il sale e il pepe.
Farcire i calamari e chiudere l’apertura della sacca con uno stuzzicadenti.
Infarinare i calamari farciti e metterli nella padella con un filo di olio.
Aggiungere i carciofi a fette, salare e fare cuocere 30 minuti, tenendo sempre un filo di liquido.
A cottura ultimata affettare i calamari e servirli con i carciofi in umido.

, , , , , , , ,

COUS COUS INTEGRALE CON GAMBERI E MANDORLE

 

Ho realizzato il cous cous integrale con gamberi e mandorle in occasione del Contest “La ricetta della Bontà” promosso dalla rivista Starbene per La lega del filo d’oro. In qualità di giudice, ho scelto, insieme alle mie colleghe, questa ricetta per la sua bontà, semplicità e completezza nutrizionale.

Provatela. Rimarrete soddisfatti da questo cous cous integrale con gamberi e mandorle e so già che la ripeterete più volte.
Magari mandatemi le vostre varianti.

Ingredienti per 4 persone
gr 200 cous cous integrale
gr 350 gamberi o mazzancolle
400 ml di brodo vegetale
gr 100 di mandorle pelate
1 spicchio d’aglio
3 cucchiai di olio di oliva extravergine
1/2 limone
Prezzemolo

Pulisci i gamberi e aggiungi al brodo vegetale le teste e i carapaci. Versa un filo d’olio in un tegame e soffriggi uno spicchio d’aglio. Fai rosolare i gamberi per qualche secondo. Aggiungi un mestolo di brodo vegetale e termina la cottura.
Versa il cous cous in una ciotola e aggiungi 1 cucchiaio d’olio.
Quando il brodo arriva a bollore filtralo e aggiungilo al cous cous. A questo punto ricopri la ciotola con il cous cous con pellicola alimentare o un coperchio e fai riposare per circa 10 min.
Nel frattempo prepara il condimento. In una coppetta versare 3 cucchiai di olio. Aggiungere un’abbondante macinata di pepe nero, un mazzetto di prezzemolo tritato grosso e 1/2 buccia di limone grattugiata e 1/2 succo di limone spremuto.
Tritare nel mixer o a coltello le mandorle. Trascorsi 10 min iniziare a sgranare il cous cous con una forchetta. Aggiungere la salsina, la graniglia di mandorle e i gamberi tagliati a metà. Mescolare bene.
Lascia riposare 15 minuti e servi il cous cous integrale con gamberi e mandorle.

Un piatto ricco di vitamine e sali minerali dati dalle mandorle, ricco di fibre e di calcio, grazie al brodo fatto con i carapaci dei gamberi che in cottura lo rilasciano in abbondanza e lo rendono biodisponibile.

Fatemi sapere le vostre impressioni, le vostre varianti. Potrei adottarle nei prossimi corsi.

, , , , , , , , , , , , ,

FAGOTTINI DI SALMONE E MELAGRANA


I fagottini di salmone e melagrana possono essere facilmente inseriti nei pranzi e nelle cene natalizie.
Molto bilanciata: contiene pochi carboidrati, grazie alla pasta fillo.
I grassi contenuti sono solo quelli presenti nel salmone, omega 3 preziosissimi per la nostra salute.
La vitamina C contenuta nella melagrana e il potassio presente in buona quantità arricchiscono questo piatti di principi nutrizionali notevoli.
Inoltre non dimentichiamoci della estrema semplicità che occorre per realizzarlo.

Ingredienti per 6 fagottini
1 confezione di pasta fillo ( 2 fogli sovrapposti 50 x 50 cm).
1 piccolo trancio di salmone fresco
1 porro
1 melagrana
1 cucchiaino di fecola o amido di mais
sale
pepe
olio evo
1 uovo

Tagliare in cubetti rettangolari il salmone. Farlo rosolare ai lati in una padella antiaderente.
E mettere da parte.
Lessare in acqua bollente 4 foglie di porro. Mettere da parte.
tagliare i fogli di pasta fillo in sei parti uguali.
Accendere il forno a 180°
Avvolgere ogni pezzo di salmone in una foglia di porro precedentemente salata e pepata.
E in seguito impacchettare con la pasta fillo.
Sbattere l’uovo e spennallare i fagottini. Metterli su una placca ricoperti di carta forno.
Fare dorare la superficie.
Aprire a metà la melagrana. tenere qualche chicco da parte. Il resto spremerla.
Mettere il succo in una padella con il cucchiaio di fecola
In seguito mettere sul fuoco e attendere che si rapprenda.
Sfornare i fagottini e impiattarli con a fianco un cucchiaino di riduzione e qualche chicco di melagrana.

, , , , , , , , ,

RISO PATATE E COZZE

La ricetta riso patate e cozze è una tradizione della cucina pugliese.
Oggi ho pensato di rivisitarla in versione light e fast.

Ingredienti per 4 persone
1 kg di cozze
1 spicchio di aglio
olio evo
150 gr di spaghetti di riso
2 patate medie
prezzemolo
sale
pepe

Lavare e pulire le cozze. Preparare una casseruola con olio e aglio. Fare insaporire leggermente l’olio, togliere l’aglio e aggiungere le cozze. coprire con un coperchio e cuocere per almeno 15 minuti.
Intanto pelare e tagliare a fettine le patate e lessarle in acqua salata.
A parte fare bollire un po’ di acqua salata e appena raggiunge l’ebollizione, aggiungere gli spaghetti di riso. fare cuocere per il tempo indicato. Scolarli e metterli in una padella capiente antiaderente.
Quando le cozze sono pronte, tenerne da parte 12 per la decorazione e sgusciare le restanti nella padella con gli spaghetti.
Aggiungere 3 mestoli del sugo delle cozze filtrato nella padella antiaderente e fare saltare gli spaghetti con le cozze. Aggiungere le patate, ormai cotte, e continuare a fare saltare il tutto aggiungendo a poco a poco il liquido delle cozze.
In ultimo spolverare con pepe e prezzemolo tritato.
Impiattare aggiungendo un filo di olio a crudo e un cucchiaio di sugo di cozze.

Il piatto è molto veloce in quanto si sfruttano cotture semplici. Le patate lessate a fette, i vermicelli di riso molto veloci e le cozze altrettanto.
Il piatto è light perchè prevede una piccola quantità di olio solo nella cottura delle cozze e solo un filo a crudo nel piatto
E’ una ricetta senza glutine ( indicata per gli intolleranti).
Da provare.
Gustosissima e sfiziosa nella sua semplicità.

, , , , , , , , , , ,

TAGLIOLINI PICCANTI CON POLPO


Nelle giornate afose si ha voglia di gusto ma anche di leggerezza.
E per non rinunciare del tutto ad un buon primo piatto, vi propongo questa ricetta.
L’idea mi è venuta un giorno in cui, acquistando del pesce, ho visto un polpo fresco.
Ma non volevo cucinarlo come sempre con le patate ( anche se confesso che così lo mangerei tutti i giorni).
Ho pensato invece ad un sughetto leggero, un po’ piccante, e mi è venuto in mente di fare cucinare questo piatto, che poi ho riproposto in una lezione di cucina. Risultato sorprendente e confermato anche dagli allievi.
Non vi resta che leggere la ricetta e provarla.

Tempo totale di preparazione:
1 ora di cottura del polpo ( potete farlo anche il giorno prima)
30 minuti per i tagliolini ( i più pigri possono utilizzare gli spaghetti)
30 minuti per il sugo, cottura della pasta e impiattamento

COSTO per persona: 5€

PROPRIETA’ NUTRIZIONALI:

Polpo: E’ un alimento ipocalorico e ipolipidico e contiene buone quantità di minerali come il ferro, il fosforo, calcio e potassio.
Peperoncino piccante: è dotato di molte proprietà e di tanti benefici. Si tratta di funzioni terapeutiche, dimagranti, nutritive e si dice anche afrodisiache.E’ anche un antiossidante. Favorisce la digestione, la circolazione sanguigna e ha delle evidenti proprietà antinfiammatorie. Tuttavia bisogna stare attenti, perché ci sono anche delle controindicazioni, soprattutto per chi soffre di alcune patologie, come l’ulcera e la gastroenterite.
Protegge il sistema cardiovascolare, anche perché è un ottimo vasodilatatore, in grado di combattere gli effetti del colesterolo. Presenta molti acidi grassi insaturi, che consentono di rafforzare i vasi sanguigni e di mantenere elastici i capillari, migliorando l’ossigenazione del sangue.
Pasta all’uovo: La pasta all’uovo è particolarmente consigliata ai vegetariani o a coloro che non amano la carne e dunque non ne mangiano in quantità: con la pasta all’uovo, infatti, si fornisce all’organismo le proteine necessarie, per di più di qualità migliore rispetto a quelle della pasta di semola. Ovviamente essendo più calorica della normale pasta secca senza uova, per chi deve rispettare un regime ipocalorico, sarebbe meglio sostituire i tagliolini all’uovo con tagliolini con farina di grano duro e acqua oppure con pasta secca integrale.

Ingredienti per 4 persone
Per i tagliolini
300 g di farina bianca “00”
3 uova
4 peperoncini rossi freschi o 1 cucchiaio di peperoncino in polvere
sale
Per il condimento
1 polpo piccolo
100 g di olive nere
8 pomodorini maturi
1 acciuga sott’olio
4 cucchiai di olio d’oliva extravergine
1 spicchio d’aglio
un mazzetto di prezzemolo fresco
sale

Lessare il polpo partendo dall’acqua fredda leggermente salata per circa 1 ora, finché
sarà tenero, ma non sfatto. Lasciarlo raffreddare nella sua acqua
Su una spianatoia unire alla farina un pizzico di sale e il peperoncino ridotto in polvere, poi impastare con le uova. Lavorate l’impasto energicamente fino a ottenere una pasta liscia e omogenea; lasciatela riposare per 30 minuti avvolta nella pellicola.
Nel frattempo eliminare i semi dei pomodorini e tagliarli a dadini, tritare qualche oliva con il coltello e qualcuna lasciarla intera.
Tagliare il polpo a rondelle lasciando la parte dei tentacoli sottile intera.
Insaporire l’olio con aglio sciacciato e l’acciuga su fuoco basso, aggiungere il polpo tagliato e rosolarlo per pochi minuti; togliere l’aglio e unire le olive e i pomodori. Insaporite per 2 minuti e salate.
Tirare la pasta con l’apposita sfogliatrice e ricavare i tagliolini piccanti. Cuocerli in acqua bollente salata per 2 minuti, scolarli e versarli nel tegame del sugo. Saltare il tutto in padella e servire i tagliolini piccanti con polpo con una spolverata di prezzemolo tritato.

, , , , , , , , ,

INSALATA DI ORZO


INSALATA DI ORZO E TONNO, AL PESTO DI MENTA E LIMONE

Ingredienti per 4 persone:
300 gr di orzo perlato
200 gr di tonno sott’olio sgocciolato
un mazzetto ricco di menta oppure basilico
una manciata di anacardi o pinoli
succo e scorza di un limone
Olio evo q.b.
sale
pepe

Lessare in abbondante acqua salata l’orzo. Scolare sciacquandolo bene emettere da parte a raffreddare.
Preparare il pesto: foglie di menta, olio evo, anacardi, succo di limone, sale.
Sgocciolare il tonno e spezzettarlo grossolanamente.
Condire bene l’orzo con il pesto, finchè diventa bello verde.
Aggiungere il tonno, la scorza di limone grattugiata e il succo del limone.
Aggiustare di sale.
Fare riposare in frigorifero per almeno 1 ora.

, , ,

CUPCAKES AL SALMONE AFFUMICATO

Muffin salati! Che bontà! Io vi consiglio questa ricetta come antipasto, servita con un’insalata di finocchi e arance.

E visto il periodo, sono ottimi nel menu delle feste natalizie, ad un buffet come finger food ( nella versione mignon).

Provateli!

IMG_4341

Ingredienti per circa 12 cupcakes al salmone affumicato:

  • 200 gr di farina OO
  • 200 gr di salmone affumicato
  • 1 cucchiaino di lievito in polvere
  • una manciata di aneto fresco o secco oppure la barbetta dei finocchi che userete per l’insalata di accompagnamento
  • 50 gr di burro
  • 150 ml di latte
  • 2 uova
  • 200 gr di robiola
  • sale e pepe quanto basta
  • una manciata di pepe rosa
  • 12 pirottini per muffins

Preriscaldare il forno a 180 gradi ventilato.

In una ciotola montare il burro con la frusta elettrica.Unire poi un uovo alla volta, alternandolo al latte. Unire piano piano la farina setacciata con il lievito, mescolando il tutto con un cucchiaio, senza lavorarlo troppo. Quando il composto sarà omogeneo, aggiungere la metà del salmone tagliato a pezzetti, una manciata di aneto, un po’ di pepe e qualche grano di pepe rosa pestato grossolanamente. Versare il composto nei pirottini, riempendoli fino a tre quarti, e infornare per 20-25 minuti.

Mentre cuociono, lavorare in una ciotola il formaggio spalmabile . Quando i cupcakes al salmone si saranno intiepiditi, decorarli con la crema di formaggio con l’aiuto di un sac a poche. Sulla crema metteremo qualche piccolo pezzo di salmone affumicato. Spolverare con un po’ di aneto e del pepe rosa intero e servire.

, , , , , , , , ,

MINESTRA DI RISO E VONGOLE

Voglia di minestra calda, voglia di mare, poco tempo?

Questa è una idea per togliersi le voglie!

MINESTRA DI RISO E VONGOLE

Ingredienti per 6 persone

150 g Riso

500 g Vongole

2 Aglio a spicchi

4 cucchiai Olio extravergine

1 Porro

1 Sedano, costa

1 Carota

3 Pomodori pelati

1 ciuffo Prezzemolo

1 dl Vino bianco

q.b. Sale q.b. Pepe

Lavate le vongole sotto l’acqua corrente e mettetele in una ciotola con abbondante acqua fredda salata per almeno 2 ore. Tritate il prezzemolo. Mettete in una padella olio, prezzemolo,aglio e il vino bianco; scaldare l’olio e aggiungere le vongole scolate. Alzare la fiamma e coprire il tegame con coperchio. Attendere che si aprano tutte.

Togliete la padella dal fuoco, staccate i molluschi dai gusci e raccoglieteli in una ciotolina, eliminando quelli rimasti chiusi. Filtrate il liquido di cottura con carta da cucina sopra un colino e raccoglietelo in una ciotola, tenendolo da parte.

Mondate e lavate la carota, il sedano e il porro e tritateli.

Ponete in un tegame il resto dell’olio, le verdure tritate e l’aglio rimasto, versate i pomodori, fateli rosolare brevemente, poi aggiungete il riso.

Versate nel tegame di cottura 1 l d’acqua, che avrete fatto scaldare a parte, insieme al liquido di cottura delle vongole tenuto da parte; portate a ebollizione, aggiungete un pizzico di sale e continuate la cottura per 15-18 minuti, a tegame scoperto, mescolando. Aggiungere acqua se la minestra si asciuga troppo.

 Circa 5 minuti prima del termine della cottura, aggiungete le vongole. Togliete il recipiente dal fuoco, lasciate riposare per un paio di minuti la minestra, poi servitela ben calda, cospargendola con un pizzico di pepe e con un poco di prezzemolo tritato.

Potete trasformare questa minestra in una zuppa, aumentando la quantità di vongole o aggiungendo la stessa quantità di cozze, e eliminando il riso. Accompagnerete il brodetto di molluschi con crostini di pane abrustoliti in forno con aglio e prezzemolo.