, , , , , , , , , , , ,

Cestini di mazzancolle e avocado

Cestini di Mazzancolle e avocado

Come preparare i cestini di mazzancolle e avocado.

Ingredienti per 6 persone

8 fette di pancarré o 4 fette di pane per tramezzini, 

400 gr di code di mazzancolle

2 Avocado

Olio

Sale

Pepe

Limone

Pomodorini pachino

 

Preriscaldare il forno a 200° C.

Ricava con un tagliapasta rotondo  dei cerchi di pancarré, stendi con un mattarello i cerchi in modo da renderli più sottili e lavorabili e spennellali solo un lato con l’olio evo.

Sistemali in una teglia per muffins, con la parte spennellata d’olio rivolta verso il basso, e inforna a 200°C per 8/10 minuti, finchè saranno croccantissimi.

Prepara la farcia. Pulisci le mazzancolle sgusciandole e privandole del filetto nero ( se c’è) e falle saltare in padella con olio. Taglia i pomodorini.

Lava e prepara l’avocado. Frullalo con il mixer aggiustando di sale, pepe e limone. Unisci un po’ di acqua per renderlo più cremoso.

Riempi i cestini con la crema di avocado, aggiungi le mazzancolle e il pomodorino.

Questa ricetta è molto indicata da inserire nel menu delle feste. Velocissima da preparare. I cestini e la crema di avocado possono essere preparati anche un giorno prima in modo tale da doverli comporre solo al bisogno. I cestini così fatti si prestano ad essere farciti con ciò che più gradisci. Anzi ti consiglio di sbizzarrirti.

Per abbinare i cestini  ad un altro antipasto leggi questa ricetta

, , , , , , , , ,

BUDINI ALLA VANIGLIA E MIRTILLI

Per fare i budini alla vaniglia e mirtilli occorrono pochissimi ingredienti e anche pochissimo tempo. Questa versione è senza uova e con poco zucchero. Quindi molto leggera e ideale anche per una colazione oppure uno spuntino. Per i bambini è deliziosa. Potete variare la frutta utilizzando fragole, kiwi, more, lamponi, pesche, albicocche. Potete anche fare la versione al cacao, aggiungendo 30 g di cacao amaro e diminuendo l’amido da 40g a 20 g. A posto dei mirtilli potete quindi tritare delle nocciole tostate e inserirle nel composto.

Per circa 4 budini alla vaniglia e mirtilli

500 ml di Latte parzialmente scremato oppure bevanda vegetale a base di mandorle o avena o riso

40 g Amido di Mais

80 g zucchero di canna integrale

1 bacca di Vaniglia (solo i semi)

250 g di mirtilli freschi

Incidete a metà per il lungo la bacca di vaniglia con un coltellino e aiutatevi con il dorso della lama di un coltello per raschiare bene tutti i semi. 

In una pentola mettete l’amido, lo zucchero e i semi della bacca di vaniglia. Mescolateli bene

Aggiungete a filo il latte freddo, poco alla volta per non formare grumi.

Mettete sul fuoco e a fiamma molto bassa fate scaldare il composto finchè fa fumo e cuocete mescolando bene con una frusta finché non comincerà ad addensare.

Foderate i pirottini con i mirtilli. Versateci sopra il composto intiepidito 

Lasciate raffreddare quindi trasferite in frigorifero per 4 ore.

Frullate la restante parte di mirtilli con un filo di acqua. Servite i budini su coulis di mirtilli.

Se ti piacciono i dolci con la frutta potrebbe interessarti anche questa clicca qui

, , , , , , , , , , , ,

CREMA DI PISELLI E AVOCADO

CREMA DI PISELLI  E AVOCADO

Crema di piselli e avocado

crema di piselli e avocado

Un’esplosione di sapore da abbinare con crostini di pane integrale oppure con verdura cruda tipo finocchi e carote. Per grandi e piccini.

Ma la vera magia di questa crema di piselli e avocado è il contenuto importante di vitamine. E, C, B6, A, D, K e Acido folico. Tutto con soli due ingredienti principali. A questo aggiungete anche la presenza di grassi BUONI: omega 3 e acido oleico che aiutano l’assorbimento di parte delle vitamine elencate. Il limone facilita, insieme alla vitamina E l’assorbimento del ferro. 

Insomma una ricetta da fare e gustare subito. Per godere delle proprietà ANTIOSSIDANTI,  stimolanti il SISTEMA NERVOSO, IL SISTEMA IMMUNITARIO, la produzione di SEROTONINA e la sintesi del COLLAGENE (non ne abbiamo mai troppo!)

Ecco gli ingredienti per la crema di piselli e avocado

1 avocado maturo grande o due piccoli

100 g di piselli freschi oppure lessati dopo l’ammollo di quelli secchi

Succo di un limone

Sale

Una punta di peperoncino in polvere (facoltativo)

1 cucchiaio di sesamo nero

Frulla insieme avocado e piselli fino ad ottenere una crema. Aggiungi il succo di limone, il sale e il peperoncino. Frulla ancora e servi con una spolverata di sesamo nero.

Puoi conservare in frigorifero, chiuso ermeticamente in un contenitore, per max 2 giorni. In tal caso aumenta la dose di succo di limone.

Per i piselli io li utilizzo freschi (in stagione), oppure metto a mollo quelli secchi e poi li lesso. In alternativa cerco un buon prodotto in scatola di qualità possibilmente senza sale o zucchero aggiunti. Controllate che sia da coltivazione biologica. Per l’avocado consiglio la qualità Hass. Inoltre acquistate sempre prodotti possibilmente italiani. Anche l’avocado comincia ad essere coltivato in Italia. Nel caso non lo trovaste potete anche ordinarlo qui siciliaavocado. Il limone meglio bio, non trattato. Così potete conservare la buccia in congelatore già grattugiata per aromatizzare i vostri piatti.

, , , , , , , , , , ,

Torta morbida con crema al limone e frutta

Una bella alternativa alla crostata di frutta. Per questa torta occorre uno stampo speciale chiamato anche stampo furbo

Ti ho messo il link dove puoi eventualmente trovarlo e visualizzarlo! Magari lo possiedi già.

Ingredienti per la TORTA MORBIDA CON CREMA AL LIMONE E FRUTTA

Per la base della torta morbida (stampo furbo da crostata da 28 cm):

Farina 200 g 

Latte Intero 130 ml 

Zucchero 120 g 

Burro 100 g 

Uova Medie 2 

Lievito In Polvere Per Dolci Mezza bustina (8 g) 

1 baccello di vaniglia 

Scorza Di Mezzo Limone (non trattato) 

Sale 1 pizzico 

Frutta 500 g 

Scaglie Di Cioccolato Fondente q.b. 

Base della torta morbida alle fragole
Lasciate ammorbidire il burro prima della preparazione. Accendete il forno statico a 170°
Lavorate a crema, con le fruste elettriche o la frusta a mano, il burro morbido con lo zucchero. Aggiungete 1 uovo alla volta, poi il pizzico di sale, la vaniglia e la scorza grattugiata di mezzo limone.
Aggiungete la farina con il lievito e il latte. Amalgamate il tutto, fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo.
Imburrate e infarinate lo stampo furbo da 28 cm. Travasate il composto all’interno dello stampo, livellate e infornate nel forno statico preriscaldato a 170° per ca. 20 minuti. Una volta pronta lasciatela raffreddare completamente nel suo stampo e poi capovolgetela.

Ingredienti per la CREMA PASTICCERA AL LIMONE

Latte Intero 250 ml 

Zucchero 80 g 

Farina 25 g 

Fecola Di Patate 20 g 

Tuorli (uova medie) 2 

Scorza Di Mezzo Limone (non trattato) 

Baccello Di Vaniglia 1 

Sale 1 pizzico 

Mettete a scaldare il latte con vaniglia. Lasciate il fuoco basso, in modo da scaldare il latte e renderlo profumato.
A parte sbattete, con le fruste elettriche, i tuorli con lo zucchero e un pizzico di sale, fino ad ottenere una crema chiara e spumosa. Aggiungete la scorza del limone non trattato e, un cucchiaio alla volta, la farina setacciata e aggiungete anche poco alla volta il latte, dopo aver tolto la bacca di vaniglia. Frullate il tutto e, una volta amalgamato, rimettete il composto nel pentolino del latte e portate a bollore, a fiamma bassa. Continuate a mescolare con una frusta a mano, finché si addensa.
Versate la crema pasticcera in un contenitore basso e largo e coprite con della pellicola trasparente a contatto e lasciate intiepidire. Riempite tutto l’incavo superiore della torta con la crema pasticcera e livellate.
Pulite la frutta e tagliatela a fettine. Prendete le fette più grandi e iniziate a disporle sul contorno esterno. Poi passate al secondo giro, e così via fino ad arrivare al centro. Conservate in frigorifero fino a mezz’ora prima di servirla.

, , , , , , , , , , , ,

Orzo al pomodoro con mandorle e olive

Fresco, ricco di sali minerali, tante proteine.
È una ricetta detossinante e rimineralizzante. Ideale per le giornate afose , in cui occorre reintegrare la perdita di liquidi  senza appesantirci!

Per 4 persone

320 g di orzo decorticato (meglio del perlato perchè contiene più principi nutritivi)

3 cucchiai di concentrato di pomodoro

50 g di mandorle a lamelle

100 g di olive verdi denocciolate

2 cucchiai di sesamo bianco o nero

40 g di Olio evo

sale

pepe

Fai lessare l’orzo in acqua salata per almeno 25-30 minuti (assaggia sempre prima di scolarlo). Intanto diluisci con 3 cucchiai di acqua di cottura il concentrato di pomodoro, aggiusta di sale e pepe. Affetta la metà delle olive. Scola l’orzo e condiscilo bene con il pomodoro. Aggiungi le olive e le mandorle e mescola bene. Aggiusta ancora di sale e pepe e spolvera alla fine con il sesamo. E voilà. L’orzo al pomodoro con mandorle e olive è pronto.

Si conserva anche due giorni in frigorifero. A dir la verità il giorno dopo è molto più buono.

Provalo in spiaggia, sotto l’ombrellone oppure dopo una bella passeggiata in montagna. Recuperi le energie, digerisci tutto velocemente perchè non ti appesantisce. Inoltre è un piatto molto fresco.

, , , , , , , , , , , , ,

Polpette di verdure

Per fare le polpette di verdure hai bisogno dei seguenti ingredienti

4 patate medie
1 carota
1 zucchina
4 cucchiai di parmigiano grattugiato
1 uovo
Sale
Pepe
Pangrattato q.b.
Lessare tutte le verdure al vapore.
Una volta cotte schiacciarle con una forchetta e lasciarle raffreddare.
Unire parmigiano, uovo, sale e pepe. Mescolare bene. Formare le polpette e impanarle. Cuocere al forno fino a doratura a 180° per circa 20 minuti. Girarle e lasciare ancora 5 minuti.
Per la salsa
1 vasetto di yogurt magro, 1 cucchiaino di senape, un pizzico di sale.

Mescolare il tutto molto bene e servire con le polpette di verdure fredde.

, , , , , , , ,

Pastiera salata

La tradizione con un pizzico di fantasia, per accontentare tutti.

Ingredienti per 6 persone:

Pasta Brisee:
200 gr di farina
100 gr di burro freddo
60 gr di acqua
sale
500 gr di ricotta
100 gr di parmigiano o padano grattugiato
220 gr di grano cotto
40 gr di zucchine
40 gr di carote
4 pomodorini secchi ammollati
6 fette di salame piccante (tipo calabro)
30 gr di burro
200 ml di latte
1 uovo + 1 tuorlo
sale

Prepara l’impasto della pasta brisee unendo dapprima il burro con la farina riducendoli a briciole e poi unisci il sale e l’acqua e impasta fino ad ottenere un composto omogeneo ed elastico. Avvolgi il tutto in una pellicola e metti a riposare in frigo per 30 minuti.
Intanto riduci a cubetti piccoli le zucchine, la carota, i pomodorini e il salame.
Metti in una casseruola il latte, il grano e il burro. Fai cuocere 10 minuti. In una ciotola capiente setaccia la ricotta, unisci il composto che hai cotto, aggiungi i restanti ingredienti (formaggio, verdure, salame) e aggiusta di sale. In ultimo aggiungi l’uovo. mescola molto bene.
Stendi la pasta brisee e adagiale su una teglia rotonda foderata di carta forno. Riempi con la farcia. Con la pasta restante ricava delle strisce e decora la torta formando la classica griglia. Abbassa i bordi della pasta. Spennella con il tuorlo sbattuto le strisce e i bordi.
metti in forno a 180 gradi per circa 45 minuti.
Servi tiepida o fredda. il giorno dopo è più buona.

, , , , ,

Colomba pasquale rapida


Nell’ultima lezione della Piccola Accademia di Cucina, i ragazzi hanno realizzato le Colombine Pasquali.
Una ricetta alternativa a quella classica tradizionale, che prevede due lunghe lievitazioni e un impasto più complesso.
Provate questa ricetta.

COLOMBA PASQUALE RAPIDA

Dose per uno stampo da 750 gr o per 6 colombine da 100 gr

350 gr di farina
100 gr di burro
3 uova
200 gr di zucchero
1 bicchiere di latte
la buccia di 1 limone bio
la buccia di un’arancia bio
1 bustina di lievito per torte salate
4 cucchiai di gocce di cioccolato o arancia candita
100 gr di granella di zucchero
100 gr di mandorle

Lavora il burro morbido con lo zucchero, incorpora i tuorli delle uova, un po’ di latte, poi la buccia grattugiata del limone e dell’arancia, un pizzico di sale, la farina miscelata al lievito e se necessario ancora latte. Incorpora infine gli albumi montati a neve (tenendone da parte 2 cucchiai abbondanti) delicatamente dal basso verso l’alto, facendo attenzione a non smontare il composto, poi versa il tutto in uno stampo di carta per colomba (misura per una colomba da 750 gr), livella bene con una spatola. Unisci agli albumi avanzati, 1 cucchiaio di zucchero e mescola. Distribuite sulla superficie l’albume zuccherato, la granella di zucchero e le mandorle. Cuoci la colomba pasquale in forno già caldo a 140° per circa 1 ora o comunque fino a cottura.
Si conserva per qualche giorno in un sacchetto di plastica ben chiuso.

, , , , , , , , , , , , , , , ,

Crespelle al grano saraceno e curcuma ripiene di melanzane

Per 4 persone
2 melanzane medie
1 patata
50 gr di formaggio tipo casera
Per le crepes
2 uova
100 gr di farina 00
50 gr di farina di grano saraceno
2 cucchiaini di curcuma
1 cucchiaio di olio evo
Sale
300 ml di latte e Q.B.
500 gr di pomodorini pachino
1 cucchiaio di zucchero
Per la vellutata
500 ml di brodo
40 gr di farina
40 gr di olio
Sale
Pepe

Taglia la melanzana a metà, incidi una griglia sulla polpa , sala e mettila su una placca ricoperta di carta forno. A fianco metti i pomodorini tagliati a metà e cosparsi di zucchero e di sale.
Inforna a 180 gradi finché la polpa della melanzana si è ammorbidita e i pomodorini cotti.
Lessa la patata con la buccia.
Nel frattempo unisci insieme le uova, il latte, le farine e il sale per il composto delle crêpes.
Fai le crêpes di circa 20 cm di diametro e mettile da parte.
Ricava la polpa dalla melanzana con un cucchiaio e tritala bene a coltello. Schiaccia la patata con l’apposito attrezzo.
Uniscile e regolare di sale. Taglia il formaggio a cubetti piccoli e uniscilo al composto.
Farcisci le crêpes formando dei fagottini che puoi chiudere con erba cipollina oppure una foglia di porro scottata.
Frulla metà dei pomodorini.
Prepara la vellutata (unisci al roux di olio e farina il brodo e il sale, attendi che si addensi) e aromatizzala con la salsa di pomodorini.
Metti in forno a 180˚ i fagottini per 10 min.
Impiatta con la base di vellutata, i fagottini, qualche pomodorino e una grattata di formaggio.

, , , , , , , ,

COUS COUS INTEGRALE CON GAMBERI E MANDORLE

 

Ho realizzato il cous cous integrale con gamberi e mandorle in occasione del Contest “La ricetta della Bontà” promosso dalla rivista Starbene per La lega del filo d’oro. In qualità di giudice, ho scelto, insieme alle mie colleghe, questa ricetta per la sua bontà, semplicità e completezza nutrizionale.

Provatela. Rimarrete soddisfatti da questo cous cous integrale con gamberi e mandorle e so già che la ripeterete più volte.
Magari mandatemi le vostre varianti.

Ingredienti per 4 persone
gr 200 cous cous integrale
gr 350 gamberi o mazzancolle
400 ml di brodo vegetale
gr 100 di mandorle pelate
1 spicchio d’aglio
3 cucchiai di olio di oliva extravergine
1/2 limone
Prezzemolo

Pulisci i gamberi e aggiungi al brodo vegetale le teste e i carapaci. Versa un filo d’olio in un tegame e soffriggi uno spicchio d’aglio. Fai rosolare i gamberi per qualche secondo. Aggiungi un mestolo di brodo vegetale e termina la cottura.
Versa il cous cous in una ciotola e aggiungi 1 cucchiaio d’olio.
Quando il brodo arriva a bollore filtralo e aggiungilo al cous cous. A questo punto ricopri la ciotola con il cous cous con pellicola alimentare o un coperchio e fai riposare per circa 10 min.
Nel frattempo prepara il condimento. In una coppetta versare 3 cucchiai di olio. Aggiungere un’abbondante macinata di pepe nero, un mazzetto di prezzemolo tritato grosso e 1/2 buccia di limone grattugiata e 1/2 succo di limone spremuto.
Tritare nel mixer o a coltello le mandorle. Trascorsi 10 min iniziare a sgranare il cous cous con una forchetta. Aggiungere la salsina, la graniglia di mandorle e i gamberi tagliati a metà. Mescolare bene.
Lascia riposare 15 minuti e servi il cous cous integrale con gamberi e mandorle.

Un piatto ricco di vitamine e sali minerali dati dalle mandorle, ricco di fibre e di calcio, grazie al brodo fatto con i carapaci dei gamberi che in cottura lo rilasciano in abbondanza e lo rendono biodisponibile.

Fatemi sapere le vostre impressioni, le vostre varianti. Potrei adottarle nei prossimi corsi.